«Imparo le parti mentre stiro i panni»

La mattina Boris Bürki (51) consegna la posta nel quartiere di Bostuden a Thun, la sera si cala in un altro ruolo.

29.01.2019
Testo: Sandra Gonseth; Foto: Annette Boutellier
  • Boris Bürki

    Sul palco, Boris Bürki si sente a casa da oltre 30 anni.

  • Boris Bürki

    Prima di esibirsi, il postino di Thun si trucca sempre da solo.

«Certo che ricordo bene il mio flop più clamoroso», afferma Boris Bürki. È successo proprio mentre recitava il suo ruolo preferito nella commedia «Der Neurosenkavalier». Un vuoto di memoria improvviso nel mezzo della commedia. Voleva improvvisare come se nulla fosse, ma l’attrice che recitava con lui non lo ha seguito: «A quel punto ho iniziato a sudare freddo».

Oggi manager, domani contadino

Boris Bürki consegna lettere per la Posta da 33 anni. E da altrettanto tempo si dedica al palco. Il suo nome è conosciuto nel panorama del teatro filodrammatico di Thun; se prima doveva partecipare a dei casting per aggiudicarsi dei ruoli, oggi viene chiamato appositamente: «Dato che so interpretare diversi ruoli, sono un attore versatile», afferma con modestia. Interpretare un nuovo ruolo può essere anche un modo per evadere dalla vita di tutti i giorni? «Non proprio», risponde il cittadino di Thun con forte accento bernese. Ma gli piace scrutare l’animo di un manager o di un contadino. Anche i colleghi notano che Boris si identifica con i personaggi che interpreta. Non a caso, spesso li senti dire «ecco, l’attore si è di nuovo impossessato di lui».

Il trauma della calzamaglia

A volte è difficile conciliare il lavoro quotidiano presso la Posta con le opere teatrali. Sono due mondi a parte: come addetto al recapito, alle 5 del mattino Boris è già in piedi, mentre nelle vesti di attore fa spesso tardi e gli piace terminare la serata in bellezza con i colleghi del teatro. Boris Bürki non avrebbe mai immaginato che un giorno sarebbe finito sul palco, sebbene anche i suoi genitori fossero appassionati attori teatrali. «In quarta ho dovuto indossare la calzamaglia della mia maestra per recitare il gatto con gli stivali». Un evento che lo ha un po’ traumatizzato allontanandolo del teatro, afferma sorridendo.

Sì alla vita

Ma è stato proprio il palco a riportarlo in carreggiata quando era appena ventenne. «Stavo attraversando una fase non facile». La decisione di recitare è stata un po’ la decisione di vivere. In teatro, infatti, non esistono le cose fatte a metà. «Sennò è meglio lasciar perdere». Il momento in cui preferisce imparare le parti è mentre stira i panni. Prova in media tre volte a settimana e fino a cinque volte nel caso di una prima assoluta. E nel fine settimana ci sono gli spettacoli. «Sì, mia moglie deve essere molto comprensiva – afferma – Per fortuna lei lavora nel settore della ristorazione, con orari di lavoro simili». Boris Bürki è sposato da sei anni con una donna russa e si reca spesso in Ossezia settentrionale (a nord del Caucaso), dove vivono i figli, ormai adulti, di sua moglie.

L’emozione del palco

A breve si terrà la prima assoluta per il suo nuovo ruolo. Le parti che Boris preferisce sono quelle raffinate e profonde. Da diverso tempo, ormai, non ha più palpitazioni, affanno e gambe tremanti prima di salire sul palco. Qualche minuto di silenzio è sufficiente a calmarlo prima che si alzi il sipario. Dopo questa nuova opera ci sarà una lunga pausa teatrale. «Soprattutto con l’avanzare dell’età, ho bisogno di queste pause», afferma il 51enne. «Cosa c’è di più bello del godersi l’estate al lago di Thun, senza dover pensare a nessun ruolo?», afferma Boris Bürki maliziosamente. Perché sa bene che presto tornerà di nuovo sul palco.

«Soprattutto con l’avanzare dell’età, ho bisogno di queste pause»

Nuova opera teatrale

Boris Bürki ha recitato, fra l’altro, per la mundARTbühni Uetendorf, per la Kyburgbühne Thun, per il teatro Schönau di Thun e per il teatro oje-minee. Inoltre ha un impegno fisso agli SchlossSpiele di Thun, dove quattro anni fa ha anche interpretato il ruolo principale nell’opera «Parsifal» di Lukas Bärfuss. Al momento Boris si sta preparando alla prima di «Hier sind sie richtig», una commedia dell’autore francese Marc Camoletti.

Le date di quest’opera teatrale sono consultabili alla pagina oje-minee-theater.ch.