«Consegnavo la corrispondenza, il pane e il formaggio»

Dominique Beuchat è in servizio alla Posta da 45 anni. Ha ricoperto le mansioni più disparate e continua a lavorare con grande passione.

29.01.2019
Intervista: Magalie Terre; Foto: Béatrice Devènes

Quali funzioni ha ricoperto alla Posta?

Sono stato postino, buralista, maestro di tirocinio, responsabile base di distribuzione e attualmente lavoro come collaboratore Pianificazione e disposizione. Negli ultimi 45 anni ho ricoperto un bel po’ di funzioni alla Posta! È stata un’esperienza bellissima che mi ha dato la possibilità di crescere costantemente dal punto di vista professionale. Una volta sono stato perfino presidente dell’Unione PTT.

Come è arrivato alla Posta?

Fin da bambino sognavo di fare il postino. Ero affascinato dal nostro portalettere che conosceva tutti i nomi e gli indirizzi a memoria. Nel maggio del 1973, conclusa la scuola dell’obbligo, non avevo dubbi: ho iniziato subito l’apprendistato di un anno come praticante d’esercizio alla Posta a Delsberg.

Che ricordi ha dei primi tempi alla Posta?

Quando ho terminato l’apprendistato, a Basilea e Zurigo c’erano pochissimi portalettere. Per questo i postini novelli venivano trasferiti per 18 mesi in una delle due città. A quasi 17 anni sono stato spedito anch’io a Basilea, un mondo completamente nuovo per me. Il primo giorno di lavoro mi hanno dato in mano la mappa della città e mi hanno messo sul tram. Dovevo guardare da solo come raggiungere gli indirizzi giusti. Distribuivo lettere e pacchi a piedi, senza conoscere i luoghi: un’impresa tutt’altro che semplice, considerando che non sapevo una parola di tedesco! A volte la giornata di lavoro iniziava alle 6 del mattino e finiva la sera alle 21:30. Un’esperienza incredibile, in senso positivo.

C’è qualcosa che non dimenticherà mai?

Dal 1976 al 1983 sono stato impiegato, per una sostituzione durante le vacanze, come buralista postale in un paesino del Giura. Dovevo fungere contemporaneamente da postino, consulente clienti, centro commerciale ambulante e addetto alla compilazione delle dichiarazioni fiscali. Oltre a distribuire la posta, consegnavo anche il pane e il formaggio che i clienti mi ordinavano la mattina. E se qualcuno non sapeva come compilare la dichiarazione fiscale, niente paura: il postino pensava anche a quello!