Edizione 10/2015

Nuovo modello partner

Oggi i clienti vogliono poter impostare i loro invii in modo flessibile. L’accesso alle prestazioni postali deve essere garantito anche al di fuori degli orari di apertura abituali degli uffici. Con il nuovo modello partner (nome provvisorio: «Mini agenzia»), la Posta testa un nuovo punto di accesso fisico che ha proprio quest’obiettivo.

Le «Mini agenzie» sono punti di ritiro e d’impostazione presso partner, preferibilmente in stazioni ferroviarie, stazioni di servizio o quartieri che al momento non dispongono di un punto di accesso. Oltre all’impostazione e al ritiro di lettere e pacchi, offrono una piccola gamma di articoli prepagati e imballaggi. Non fanno parte dell’assortimento il traffico dei pagamenti, Swiss-Express, gli invii per l’estero o gli invii in grandi quantità, né i servizi complementari (ad es. Signature). Il nuovo modello partner completa l’attuale rete fisica dei punti di accesso della Posta, ma non è una soluzione alternativa in caso di trasformazione dell’ufficio postale.

Il progetto pilota è in corso da giugno 2015 e durerà almeno fino a fine dell’anno. A inizio novembre la Posta deciderà se introdurre definitivamente il nuovo modello partner. «Ci sono buone probabilità», afferma il responsabile di progetto René Rindlisbacher. «I sondaggi dimostrano che i clienti apprezzano la vicinanza al nuovo punto di accesso e gli orari di apertura interessanti». Per PV, ulteriori punti a favore del progetto sono i costi iniziali limitati di una «Mini agenzia» e l’economicità del suo esercizio.