La firma del CCL

Il 30 aprile la Posta, il sindacato syndicom e l’associazione del personale transfair hanno firmato sul Gurten, la collina alle porte di Berna, i nuovi contratti collettivi di lavoro. Tutte le parti sociali sono soddisfatte del risultato.

27.05.2015
Testo: Sandra Gonseth; Foto: Yoshiko Kusano
  • Firma del CCL

    I firmatari e il responsabile delle trattative Thomas Brönnimann (secondo da destra): René Fürst, responsabile del ramo Posta/Logistica transfair, Alain Carrupt, presidente syndicom, Yves-André Jeandupeux, responsabile Personale Posta, Susanne Ruoff, direttrice generale Posta, Chiara Simoneschi-Cortesi, presidentessa transfair, Daniel Landolf, presidente del Consiglio di amministrazione AutoPostale Svizzera SA, Valérie Schelker, responsabile Mondo del lavoro PostFinance SA, Hansruedi Köng, presidente della direzione PostFinance SA, Fritz Gurtner, responsabile settore Logistica syndicom, Thomas Brönnimann, responsabile della delegazione negoziale e sostituto responsabile Personale Posta, Walter Marti, membro della direzione e responsabile Personale AutoPostale Svizzera SA (da sinistra a destra).

  • Firma del CCL

    Alain Carrupt, presidente syndicom, Susanne Ruoff, direttrice generale Posta, Chiara Simoneschi-Cortesi, presidentessa transfair (da sinistra a destra).

  • Firma del CCL

    Firma del CCL: Fritz Gurtner, responsabile settore Logistica syndicom, Alain Carrupt, presidente syndicom, Susanne Ruoff, direttrice generale Posta, Yves-André Jeandupeux, responsabile Personale Posta, Chiara Simoneschi-Cortesi, presidentessa transfair, René Fürst, responsabile del ramo Posta/Logistica transfair (da sinistra a destra).

  • Firma del CCL

    Firma del CCL: Fritz Gurtner, responsabile settore Logistica syndicom, Alain Carrupt, presidente syndicom, Walter Marti, responsabile Personale AutoPostale Svizzera SA, Daniel Landolf, presidente del Consiglio di amministrazione AutoPostale Svizzera SA, Chiara Simoneschi-Cortesi, presidentessa transfair, René Fürst, responsabile del ramo Posta/Logistica transfair (da sinistra a destra).

  • Firma del CCL

    Firma del CCL: Fritz Gurtner, responsabile settore Logistica syndicom, Alain Carrupt, presidente syndicom, Valérie Schelker, responsabile Mondo del lavoro PostFinance SA, Hansruedi Köng, presidente della direzione PostFinance SA, Chiara Simoneschi-Cortesi, presidentessa transfair, René Fürst, responsabile del ramo Posta/Logistica transfair (da sinistra a destra).

  • Firma del CCL

    La delegazione negoziale (seconda fila da sinistra a destra): Yves-André Jeandupeux, responsabile Personale Posta, Daniel Rohrbach, Processi e controlling PostFinance, Philip Pätzold, responsabile Personale PM, Daniel Landolf, presidente del Consiglio di amministrazione AutoPostale Svizzera SA, Hansruedi Köng, presidente della direzione PostFinance SA, Marco Durrer, membro del Consiglio di amministrazione, Susanne Ruoff, direttrice generale Posta, Alain Carrupt, presidente syndicom, Fritz Gurtner, responsabile settore Logistica syndicom, Chiara Simoneschi-Cortesi, presidentessa transfair, Markus Klopfenstein, responsabile Personale PL, René Fürst, responsabile del ramo Posta/Logistica transfair, Markus Kessler, responsabile Personale PV, Reto Wälti, diritto/negoziati progetto, Walter Marti, membro della direzione e responsabile Personale AutoPostale Svizzera SA (da sinistra a destra). In prima fila da sinistra a destra: Thomas Brönnimann, responsabile della delegazione negoziale, Thomas Thut, assistente ai negoziati, René Heiz, co-responsabile del progetto Attuazione , Barbara Schielke, responsabilità generale della redazione CCL Daniel Häfliger, co-responsabile del progetto Attuazione, Bruno Bleisch, progetto parziale Documenti CCL.

Con la sottoscrizione dei contratti da parte degli organi decisionali delle tre parti sociali entra ora in vigore ciò che è stato oggetto di trattativa nel corso di oltre un anno e mezzo: il 1° gennaio 2016 ciascuna delle tre società del gruppo Posta CH SA, AutoPostale Svizzera SA e PostFinance SA riceverà un nuovo contratto collettivo di lavoro (CCL), i cui valori di riferimento saranno regolamentati nel quadro di un CCL mantello di livello superiore. «Per me è stato chiaro fin dall’inizio: anche con un nuovo CCL, la Posta deve restare un datore di lavoro socialmente responsabile, con condizioni di lavoro eque», ha sottolineato Susanne Ruoff durante il suo discorso di benvenuto sul Gurten. Un’altra questione centrale per la direttrice generale della Posta consisteva nel dare al CCL il giusto orientamento in vista delle nuove sfide nel mondo del lavoro, conferendo così una certa flessibilità alla Posta: «Sono convinta che il risultato raggiunto soddisfi pienamente entrambe queste esigenze». Anche le parti sociali sono dello stesso avviso: tutti si sono detti soddisfatti del risultato raggiunto. «La Posta, con questi contratti collettivi di lavoro, resta un datore di lavoro equo», ha affermato Alain Carrupt, presidente di syndicom. L’assenso di syndicom è chiaro, benché rimanga una piccola nota di amarezza. L’importante per syndicom è che «di fronte alle sfide del futuro, al centro della strategia della Posta rimanga la persona». Anche la presidente di transfair Chiara Simoneschi-Cortesi è soddisfatta del risultato: «La Posta ha salvaguardato il proprio ruolo di modello; i CCL continuano a offrire ai collaboratori della Posta buone condizioni di lavoro».

Un pacchetto globale convincente

In conclusione, Susanne Ruoff ha ringraziato le delegazioni negoziali per l’impegno e la perseveranza dimostrati. «Non si è trattato certo di una passeggiata, perché i risultati delle trattative hanno ripercussioni diverse sui singoli collaboratori», ha affermato la direttrice generale. «Per alcuni di loro ci saranno delle perdite, ad esempio per la diminuzione dei premi fedeltà, mentre altri avranno dei benefici, come il prolungamento del congedo maternità e paternità». L’importante è focalizzarsi sul risultato complessivo e non sulle ripercussioni per i singoli: «Quello che abbiamo costruito insieme è un pacchetto globale convincente, che tiene conto sia degli interessi dell’azienda, sia delle richieste dei collaboratori. Siamo riusciti a mettere d’accordo entrambe le parti», ha sottolineato Susanne Ruoff. E questo è un grande successo.

Maggiori informazioni su: pww.post.ch/nuovoccl

Contratti individuali di lavoro per posta

I collaboratori che rientrano nel CCL Posta riceveranno per posta il loro nuovo contratto individuale e una copia del nuovo CCL a fine maggio.