TWINT cresce

Prima Berna, ora Zurigo: questo mese TWINT ha aperto un altro ufficio. La soluzione di pagamento sarà presto integrata con Paymit e avrà anche un nuovo logo.

17.01.2017
Testo: Simone Hubacher, Nadia Meier
TWINT

Tutti coloro che alla cassa del supermercato o al ristorante hanno l’abitudine di pagare comodamente i propri acquisti tramite smartphone non possono fare a meno di TWINT. A due anni e mezzo dal suo lancio, l’azienda, nata come società affiliata di PostFinance, è ben affermata. «Ci troviamo in una fase di sviluppo cruciale», dichiara il CEO di TWINT, Thierry Kneissler. I sistemi TWINT e Paymit saranno infatti oggetto di fusione. Dietro questa soluzione nazionale, annunciata nella primavera del 2016, ci sono le sei maggiori banche svizzere (PostFinance, Credit Suisse, Raiffeisen, UBS, ZKB e BCV), come pure SIX, Coop, Migros e Swisscom.

Con questa fusione, la squadra di TWINT cresce: l’azienda, che due anni e mezzo fa aveva mosso i primi passi con un team di cinque persone, oggi conta 30 collaboratori. Una crescita simile richiede più spazio. L’ufficio aperto a Zurigo all’inizio dell’anno completa quello di Berna e garantisce maggiore flessibilità. «L’ampliamento è perfettamente in linea con lo stile di lavoro sempre più mobile tipico dei nostri tempi», afferma Thierry Kneissler.

Utilizza TWINT!

Ora che TWINT è cresciuta, è giunto il momento di abbandonare il verde sbarazzino del suo vecchio marchio. In primavera sarà lanciato il nuovo logo, dai colori nero, giallo, rosso e blu. TWINT ha grandi ambizioni: «Non siamo soltanto una soluzione di pagamento mobile, ma intendiamo sostituire il portafoglio in tutto e per tutto: carte bancarie, carte cliente, carte fedeltà e coupon», sostiene Thierry Kneissler. Inoltre, la funzione che permette di inviare e ricevere denaro da un conoscente contribuisce a rendere TWINT unica nel suo genere. «Utilizzate TWINT e parlatene ai vostri conoscenti!», raccomanda il CEO di TWINT.