Per una preparazione degli invii ancora più semplice

Con la strategia 2017-2020 PostMail getta le basi per un futuro di successo. Per poter continuare a offrire ai clienti prestazioni d’eccellenza, è necessario ottimizzare la logistica. L’introduzione in tutta la Svizzera di nuove procedure per la preparazione degli invii (PI) a partire da metà marzo 2018 sarà per PostMail un ottimo incentivo per centrare l’obiettivo.

Edizione 2/2018
Testo: Mathias Forny; Foto: Adrian Moser

La teamleader Simone Wüthrich mentre lavora ad uno dei primi impianti per la preparazione degli invii.

Attualmente gran parte degli invii provenienti dalle filiali di RetePostale viene preparata manualmente secondo diversi criteri (ad es. Posta A e Posta B) prima che passi al processo di smistamento nei centri lettere. Con la nuova procedura di preparazione degli invii (PI), invece, molte fasi saranno svolte meccanicamente all’interno dei centri lettere e nei centri logistici di lavorazione delle lettere di PostMail.

Per questo motivo, nell’autunno 2015, in collaborazione con RetePostale, è stato realizzato il progetto pilota «Preparazione degli invii (PI) posta-lettere», da cui è emerso che la preparazione centralizzata e automatizzata della posta-lettere ha un effetto positivo sulla puntualità nel recapito delle lettere e determina un alleggerimento per il personale nelle filiali. Allo stesso tempo, il nuovo processo comporta un minore rischio di errori e la possibilità, per i collaboratori delle filiali, di inoltrare le lettere senza prima doverle preparare rappresenta una notevole semplificazione oltre che un risparmio di tempo a tutto vantaggio dell’assistenza alla clientela, in particolare nelle ore serali particolarmente impegnative. PostMail ha pertanto chiesto alla Direzione del gruppo e al Consiglio di amministrazione di introdurre gradualmente da metà marzo 2018 il nuovo sistema di PI in tutta la Svizzera e di acquistare gli impianti necessari.

I primi tre nuovi impianti per la PI sono stati messi in funzione nei centri di Härkingen ed Eclépens già a fine 2017. Quest’anno ne verranno attivati altri a Härkingen, Eclépens e Zurigo-Mülligen. Grazie alle nuove spartitrici, PostMail sarà in grado di trattare anche grandi quantità di invii non preparati assicurando un elevato standard qualitativo.

«Il nostro risultato annuale conferma le previsioni: siamo sulla buona strada e la strategia 2017-2020 è la base ideale per realizzare un futuro ricco di successi per PostMail.» Ulrich Hurni, responsabile PM

«Il progetto PI posta-lettere ci consente di incrementare l’efficienza nella preparazione degli invii e di mantenere elevato lo standard qualitativo del successivo processo di spartizione.» Patrick Conte, responsabile di progetto PI posta-lettere

La PI in breve

La preparazione degli invii costituisce una fase preparatoria importante per garantire che le lettere vengano trattate senza problemi e in linea con un elevato standard qualitativo nel successivo processo di spartizione. Gli invii vengono inoltre bollati, suddivisi in base al formato (ad es. normale), al prodotto (ad es. Posta A) e ad altre caratteristiche e inoltrati nel relativo canale di lavorazione (spartizione meccanica/manuale) nei centri lettere.

La strategia di PostMail si fonda su quattro orientamenti strategici

Lo scorso anno è stata introdotta la nuova strategia 2017-2020 di PostMail, per il cui successo a lungo termine sono essenziali quattro orientamenti strategici.

Il nostro core business: PostMail assicura e sviluppa il core business consentendo ai clienti commerciali una comunicazione e una commercializzazione più efficaci.

Le nostre attività complementari: PostMail amplia l’offerta e sviluppa nuove soluzioni per le mutevoli esigenze dei clienti al fine di compensare almeno in parte il calo nel core business.

La nostra logistica: PostMail prosegue con l’ottimizzazione della logistica al fine di fornire alla clientela prestazioni d’eccellenza.

La nostra organizzazione: PostMail continua a sviluppare le competenze dei collaboratori e dell'organizzazione al fine di affrontare con successo le sfide future.