L'energia solare entra nelle scuole

Il progetto «Ogni cella conta: l’energia solare fa scuola!» promuove l'installazione di impianti fotovoltaici sui tetti delle scuole svizzere. La Posta sostiene questo progetto di tutela del clima.

Edizione 12/2017
Testo: Lea Freiburghaus; Foto: zVg
  • Nell’ambito del progetto «Ogni cella conta: l’energia solare fa scuola!», gli studenti dell’istituto scolastico Rebacker di Münsingen hanno costruito un impianto fotovoltaico sul tetto della propria scuola. Gli studenti hanno così potuto conoscere da vicino le energie rinnovabili.

    Nell’ambito del progetto «Ogni cella conta: l’energia solare fa scuola!», gli studenti dell’istituto scolastico Rebacker di Münsingen hanno costruito un impianto fotovoltaico sul tetto della propria scuola. Gli studenti hanno così potuto conoscere da vicino le energie rinnovabili.

  • Gli studenti hanno così potuto conoscere da vicino le energie rinnovabili.

    Gli studenti hanno così potuto conoscere da vicino le energie rinnovabili.

  • L’impianto appena installato è stato solennemente inaugurato ufficialmente il 3 novembre 2017.

    L’impianto appena installato è stato inaugurato ufficialmente il 3 novembre 2017.

Trasportano pannelli solari, componenti in alluminio e pietre per il fissaggio. Isolano i cavi e li dotano di spine per il collegamento. Stringono le viti. Non sono però elettricisti, ma studenti che, sotto la supervisione di esperti, sono al lavoro per costruire un impianto fotovoltaico. Negli ultimi cinque anni sono già dieci le scuole svizzere che hanno installato gli impianti sui propri tetti, e altre otto hanno in programma di fare altrettanto.

Per ogni impianto fotovoltaico un’apposita formazione

Promotrice dell’iniziativa è l’organizzazione per la tutela del clima «myblueplanet», che, con il progetto «Ogni cella conta: l’energia solare fa scuola!» (OCC), avviato nel 2011, persegue tre obiettivi fondamentali: «Innanzitutto, intendiamo portare il tema della svolta energetica e climatica nelle aule scolastiche per far conoscere da vicino agli studenti questa realtà. In secondo luogo, il progetto permette di costruire un impianto fotovoltaico apportando, così, un vantaggio concreto alla scuola. Infine, oltre agli studenti e agli insegnanti, intendiamo sensibilizzare anche i genitori, i Comuni, gli esercenti locali e la politica in merito a questo tema e coinvolgerli nella nostra iniziativa», spiega Philipp Arnold di myblueplanet. Inoltre, nell'ambito del progetto OCC, materiali didattici sul clima, l’energia e altri temi legati alla sostenibilità vengono messi a disposizione dell scuole anche dopo il primo anno.

La Posta diventa un nuovo partner

Da questo autunno, ai numerosi progetti sostenuti dalla Posta per promuovere le energie rinnovabili, l’efficienza energetica e la mobilità elettrica si è aggiunto anche il progetto OCC di «myblueplanet», che si inserisce nel quadro del programma di sostenibilità «pro clima – Siamo passati ai fatti» e rientra nella strategia di Corporate Responsibility. Anche i collaboratori della Posta possono quindi fornire adesso il loro contributo al progetto OCC: come volontari per i lavori di installazione, come sponsor di un pannello solare o come ambasciatori di OCC.

Per offrire il proprio aiuto volontario, inviare un’e-mail a: responsabilita@posta.ch
Per maggiori informazioni sul progetto «Ogni cella conta: l’energia solare fa scuola!» (in tedesco): www.jzz.ch
Per Informazioni sull’impegno della Posta nei confronti della tutela del clima: www.posta.ch/clima

Impianti fotovoltaici presso la Posta

Tutta l’elettricità necessaria alla Posta è ricavata al 100% da fonti di energia rinnovabili certificate «naturemade star» e di provenienza svizzera. Sui tetti dei suoi centri lettere e pacchi sono installati alcuni degli impianti fotovoltaici più grandi della Svizzera. Nel 2017, gli undici impianti esistenti hanno immesso nella rete circa 6 GWh di energia solare. Entro il 2020 sono previsti altri nove impianti, la cui produzione sarà destinata al fabbisogno interno.

Per dettagli e dati di produzione degli impianti fotovoltaici della Posta