AutoPostale avrà cinque settori e dodici regioni

Dalla primavera del 2019, AutoPostale non sarà più gestita a livello regionale, bensì funzionale. Al contempo, la presenza in loco sarà rafforzata con cinque settori, dodici regioni e 13 sedi.

21.08.2018
Testo: Katharina Merkle; Illustrazione: Matthias Schönenberger

La nuova struttura prevista ruota intorno alle due unità «Vendite» ed «Esercizio», suddivise nei cinque settori Ovest, Centro, Nord, Est e Sud. A loro volta, questi consistono di dodici regioni (settori parziali) comprendenti le odierne 13 sedi principali decentralizzate in Svizzera e nel Liechtenstein. Le regioni e i settori si orientano ai clienti principali nel quadro dell’attività di base, ossia ai committenti. Ne deriva un’organizzazione che tiene conto in primo luogo dei confini cantonali. Ogni Cantone e LIEmobil devono avere un interlocutore; nel caso delle linee che attraversano i confini cantonali, si tratta del responsabile del settore del committente principale. Anche i confini linguistici e di comunità sono stati tenuti in considerazione.

Posizioni dirigenziali a concorso

Su questa base, nelle prossime settimane e mesi il team di progetto PApillon, diretto da Patrick Zingg, elaborerà nel dettaglio la nuova organizzazione di AutoPostale. Già alla fine di quest’estate saranno messe a concorso le posizioni del livello di quadro 2 (direttamente sottoposto a un membro della direzione). Tra queste ci sono anche quelle dei cinque responsabili Esercizio e Vendite. La messa a concorso per le posizioni di livello 3 è prevista a partire da ottobre. L’obiettivo è far sì che la nuova organizzazione di AutoPostale entri in vigore nella primavera 2019.